Piano di Assetto del Territorio

Piano di Assetto del Territorio adottato con Del. C.C. n°5 del 30-31/01/2012

Obiettivi

Per quanto riguarda la città antica il PAT non prevede di creare nuove polarità urbane, ma di far crescere e consolidare le polarità già esistenti, con funzioni che concorrono a creare diversi centri di interesse o di sviluppo con tempi più o meno rapidi di attuazione delle previsioni introdotte dal piano vigente.

Nell’area dell’Arsenale il previsto recupero a funzioni culturali, produttive e di servizio rappresenta una delle azioni più rilevanti in riferimento alla qualità architettonica-monumentale intrinseca dei manufatti del complesso. L’Arsenale costituirà un nuovo polo di interesse urbano e territoriale, tale da modificare il funzionamento stesso della città con l’inserimento di nuove attività, e come attrattore turistico alternativo all’area marciana, prevedendone un’adeguata accessibilità.

Delimitazione ambito

L’area dell’Arsenale è ricompresa nell’ambito territoriale omogeneo “ATO 1 -Venezia Città Antica”.

Indicazioni progettuali

Ferme restando tutte le indicazioni di carattere vincolistico e/o analitico presenti nel PAT, nella

Tav. 4a “Carta della Trasformabilità” l’area dell’Arsenale di Venezia è evidenziata come:

  • “Aree idonee per gli interventi di miglioramento della qualità urbana e territoriale” per le quali il PAT prevede che la trasformazione fisica e/o funzionale assuma carattere strategico in rapporto al miglioramento complessivo del sistema insediativo o anche in rapporto a destinazioni d’uso preminentemente pubbliche.

La sola porzione sud attualmente adibita a sede espositiva è evidenziata come:

  • “Attrezzature e servizi di maggiore rilevanza” , per le quali il PAT individua le attrezzature e i servizi di maggior rilevanza, a scala urbana e territoriale, a cui attribuisce un valore strategico sia per la comunità sia per la definizione del ruolo della città nell’ambito dell’area vasta.

Stato delle prescrizioni

Il PAT del Comune di Venezia è stato adottato con Del. C.C. n°5 del 30-31/01/2012; da tale data, limitatamente alle prescrizioni previste nelle Norme Tecniche, si applicano le misure di salvaguardia di cui all’art. 29 della L.R. 11/2004, fino alla sua entrata in vigore e, in ogni caso, per un periodo massimo di cinque anni.

Elaborati

  • Estratto Tavola 2.5 – carta delle invarianti
  • Estratto Tavola 4a.5 – carta della trasformabilità           

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someonePrint this page
http://arsenale.comune.venezia.it/wp-content/plugins/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css